Maddalena di Chiomonte, 27 giugno 2011

Anche gli aderenti del MoVimento 5 Stelle Piossasco intendono condannare l’azione di forza della Polizia contro il presidio “No TAV”, avvenuta lunedì 27 giugno.
L’utilizzo di lacrimogeni e candelotti contro il campo base è un atto anti-democratico, da stato totalitario e non è assolutamente giustificabile con il timore di perdere gli insignificanti contributi europei per un’opera che si preannuncia economicamente fuori da ogni logico ragionamento.
Scene da guerra civile (purtroppo già viste a Chiomonte) non devono più verificarsi!
Movimento 5 Stelle Piossasco
MoVimento 5 Stelle Piossasco

Primo articolo su Luna Nuova

E’ Luna Nuova, il giornale bisettimanale di informazione locale, a pubblicare il primo articolo sul Movimento 5 Stelle Piossasco.
Si parla della nascita del gruppo e della sua attivazione sul territorio, del banchetto informativo sul referendum e degli aspetti relativi a Piossasco (rifiuti, trasparenza e gestione delle risorse del comune)a noi molto cari. Un ottimo articolo viziato forse solo dalla solita etichettatura di “grillini” tanto cara a quella sinistra che continua a sottovalutarci. Di certo il richiamo a Beppe Grillo è utile e sicuramente efficace ma è necessario far capire che tutti gli attivisti dei vari Movimenti a 5 Stelle non sono marionette in mano a Grillo ma persone autonome pronte a dare il proprio contributo per cambiare il nostro paese.

Banchetto Informativo

Giovedì 9 giugno, davanti all’ingresso della Coop i ragazzi del Movimento 5 Stelle Piossasco organizzeranno un banchetto informativo sulle nostre attività, sul referendum del 12 e 13 giugno, sulla petizione per abbassare gli stipendi dei Consiglieri Regionali.
Se vuoi conoscerci, attivarti, collaborare o anche solo informarti noi ti aspettiamo dalle 9 alle 12:30 davanti all’ingresso della Coop!

Referendum 2011


In vista dell’importantissimo referendum del 12 e 13 giugno il gruppo a 5 stelle di Piossasco si è ritrovato per la sua primissima azione sul territorio: la difficilissima operazione di attacchinaggio dei manifesti referendari!
Il referendum di domenica è un’occasione rara e importantissima per riaffermare il potere decisionale del popolo che spesso è scavalcato dai propri rappresentanti.
Contro la privatizzazione dell’acqua, il ritorno al nucleare e la diseguaglianza di fronte alla legge per il Presidente del Consiglio e i Ministri servono 4 SI!

Si potrà votare dalle ore 8:00 alle 22:00 di domenica 12 giungo e dalle ore 7:00 alle 15:00 di lunedì 13 giugno.
Ricorda di non sovrapporre le 4 schede per non invalidare il voto.
In caso di smarrimento della tessera elettorale si potrà richiedere un duplicato presso l’ufficio elettorale negli orari di apertura dei seggi presentando un’autodichiarazione di smarrimento.