Commissione di Garanzia e Controllo

A proposito del funzionamento della burocrazia a Piossasco, il MoVimento 5 Stelle ha denunciato con un video il caso degli ingiustificabili ritardi sulla creazione dei dovuti parcheggi riservati per due sfortunati piossaschesi disabili, tale denuncia ha suscitato l’interesse dei giornali che hanno riportato la notizia informando i cittadini.  Oltre che informare, l’intento del MoVimento 5 Stelle  è

Leggi tuttoCommissione di Garanzia e Controllo

Commissione Cultura e Istruzione 10 Dicembre 2012

 

Lunedì 10 dicembre si è tenuta la COMMISSIONE CULTURA E ISTRUZIONE con all’ordine del giorno i seguenti punti:
  1. Analisi situazione Istituti Comprensivi
  2. Prossimi interventi sui plessi scolastici
  3. Varie ed eventuali

A parte una piccola discussione (ormai solita) sugli orari di convocazione in prima e seconda chiamata,  è emerso  quanto segue :

Analisi situazione Istituti Comprensivi

Con Legge dello Stato 11 del 2011 si impone che le scuole presenti sui territori comunali si ordinino in senso verticale e vengano quindi unite le scuole dalla  materne,  alle medie . In precedenza l’ordinamento scolastico prevedeva l’organizzazione per Circoli in senso orizzontale (quindi materne ed elementari insieme e poi tutte le medie). Il ragionamento dietro questa legge è di seguire il percorso di frequenza dell’alunno dalle scuole dell’infanzia alle scuole superiori adottando (di competenza del Consiglio di Istituto Comprensivo ora, e di Circolo prima) una stessa pianificazione del percorso di studi.
Un limite imposto è il numero degli alunni di ogni comprensivo che non dovrebbe essere inferiore a 1000. Fortunatamente a Piossasco (anche se le condizioni non lo permettevano) si è ottenuto un ottimo risultato e una piccola deroga (come in altri comuni) .
Molte regioni hanno presentato ricorso al TAR che ha dato ragione annullando la Legge dello Stato lì dove è stato presentato ricorso soprattutto perché avrebbero dovuto accorpare scuole insistenti su territori di differenti Comuni che deficitavano del numero di 1000 alunni per costituire il Comprensivo. Il ricorso è stato presentato perché , per Legge dello stesso stato, l’organizzazione delle scuole sul territorio compete alla Regione e non al Parlamento Nazionale.
In ogni caso nel nostro comune, essendoci le condizioni, sono stati creati due Comprensivi con le sole scuole del nostro territorio (senza accorpamenti con scuole di altri Comuni) .  A parere dell’Amministrazione questa trasformazione ha reso un vantaggio gestionale anche grazie all’arrivo del nuovo dirigente scolastico al Comprensivo 1, Dott.ssa Pinto, che è entrata in sintonia con il dirigente del Comprensivo 2 e insieme collaborano attivamente per un uniformità di gestione. Anche il personale comunale si è adeguato/si stà adeguando bene all’avvenuta trasformazione che implica un trasferimento di competenze.
Con la necessità di dover rispettare la suddivisione del numero degli alunni per mantenere il numero sufficiente, pena la “delocalizzazione” verso anche Istituti Comprensivi di altri Comuni, dovranno essere valutati e discussi i criteri di iscrizione. In linea di massima si procederà a raccogliere le iscrizioni a richiesta e valutare poi le priorità.
I numeri eccedenti la richiesta (in base ai soliti punteggi) verrebbero,salvo motivi particolari, spostati a necessità sui due comprensivi per raggiungere la quota richiesta. Gli insegnanti, grazie alle nuove assunzioni, non sono stati interessati a spostamenti di sede.
IL CTP (Centro Territoriale Permanente cioè la scuola per gli adulti, le vecchie “150 ore”) avrà la segreteria nel comprensivo 2 ma i locali restano all’Ungaretti che è nel comprensivo 1. Il servizio dovrebbe funzionare normalmente.
Si è discusso poi della questione “pollai” (quelli veri!) nelle scuole. Il metodo ha riscontrato assenso da parte di tutti. Il responsabile alla sicurezza, Sig. Musumeci, ha sollevato l’obiezione del rispetto, a norma di Legge, delle prescrizioni dell’ASL in materia di  igiene (e non quelle sanitarie ampiamente ottemperate). Al momento il progetto è allo studio, ma c’è la volontà di continuare a realizzarlo e di eventualmente adeguarsi alle eventuali restrizioni. Staremo a vedere e vi terremo informati.
Prossimi interventi sui plessi scolastici
Con la mancata vendita dell’Ex Caserma dei Carabinieri (prevedibilissima e lo sapeva pure l’amministrazione ndr) che avrebbe fruttato circa 470000 € il bilancio deve essere ritoccato e dunque parte dei lavori di manutenzione straordinari previsti non si potranno più realizzare in questo bilancio (una parte del valore della vendita era inserita nei 207000€ previsti per le manutenzioni) come l’ascensore per disabili alla scuola Ungaretti (previsti 35/40000€ di spesa).
Alcuni lavori eseguiti sui plessi , e in corso di esecuzione sono la messa in sicurezza dei davanzali alla scuola Morandi,  e grazie al ribasso anche ad alcuni della scuola Ungaretti,  (avete segnalazioni?) di cui si è discusso sull’effettiva valenza. Con i proventi dai diritti di superficie di € 58000 (i riscatti dei terreni dell’edilizia convenzionata) si sistemerà la scala antincendio della Gramsci. Occorrerà rifare anche l’impianto elettrico all’Ungaretti preventivato per € 115000 e alla Morandi per € 75000 oltre ai € 17000 quale impegno di spesa per i progetti (per avere anche l’abilitazione dai VV.FF al momento in studio). Si spera di recuperare dai ribassi risorse per procedere ad altri interventi. Si sta sistemando anche il bagno disabili alla Cruto (ex Parri di via Cumiana). Hanno affidato ad esterni un servizio complessivo tramite appalto per la disinfestazione/derattizzazione. Se ci saranno avanzi dal ribasso si vorrebbe sistemare gli scarichi dei bagni alla Rodari definitivamente.
Alla Rodari anche il tetto è da rifare (piove dentro). Si è ribadita la questione amianto per la Rodari e per gli altri asili. Hanno eseguito accertamento tramite spirometria (analizzando l’aria) degli ambienti interessati, come intercapedini e sottotetto;dai risultati questi ambienti non sono interessati da rilascio di particelle in sospensione di amianto (che è la condizione pericolosa). Quanto amianto ci sia , non pericoloso in quanto stabile ( per ora ndr), non ci è dato di saperlo da questa commissione ma è comunque presente (e noi approfondiremo, ndr).
Varie ed Eventuali 
  • La terra di risulta nei lavori della scuola San Vito, con valori di manganese/nichel/cobalto superiori alla media, ha consentito di scoprire che i terreni circostanti hanno questa composizione come proprietà geologica zonale. L’ufficio Tecnico per non assumersi responsabilità, e in contrapposizione alle indicazione dell’Assessorato ha preferito smaltire comunque la terra in discarica, con un aumento dei costi, potendolo invece smaltire come agricolo data la condizione naturale del terreno (ci chiediamo quindi quali siano i valori che possono incidere sulla salute, i terreni sono sicuri o no? ndr).
  • Il parcheggio del collodi è ghiacciato, a quanto pare da una perdita e la salita di accesso è piena di buche per cui è stato richiesto un immediato intervento! (forse già risolto)
  • PATTO PER LA SCUOLA: è in stesura a cura dell’assessorato all’istruzione un documento da condividere e sottoscrivere dalle Scuole in cui si eliminano i dubbi riguardo ai compiti dell’amministrazione comunale nella gestione delle scuole. Il documento è una proposta ed in fase di valutazione al momento
____________________________________________________
E’ nostra intenzione monitorare e segnalare le varie situazioni all’occorrenza con i nostri comunicati. Certo ci piacerebbe intervenire in queste discussioni ricordando all’amministrazione che lamenta la mancanza di disponibilità finanziarie per gli interventi di manutenzione scolastici di aver firmato una convenzione con la scuola privata Gianotti da € 40.000 annui (di cui ne stiamo verificando il rispetto punto per punto), di aver impegnato € 33.000 per la realizzazione di un nuovo giardino pubblico a Villa Alfano (abbastanza inutile vista la vicinanza di 100m circa con un altro parco vicino al sangonetto e in quasi totale abbandono ndr), di aver permutato terreni a prezzi di dubbia valenza per una casa di cura privata,   di fare scelte economiche con  politiche “di priorità” alquanto discutibili, di fronte alla gambizzazione dei già esigui fondi all’istruzione e rivedibili per nostro conto.
Certo è che in virtù della propria rappresentanza e senza che ci sia presa di coscienza e partecipazione dei cittadini poco potrà cambiare. Noi ci crediamo e continueremo a fare azione di trasparenza e fiato sul collo. Continueremo a seguire e controllare l’operato dell’Amministrazione dandone notizia e rendendo pubbliche le informazioni. Cominciando, come abbiamo già fatto, con il pretendere le videoriprese dei Consigli Comunali e in futuro anche delle Commissioni Consiliari.

Riteniamo che la totale trasparenza sia il miglior modo di invogliare la partecipazione dei cittadini nella gestione della cosa pubblica e desideriamo l’introduzione di strumenti idonei quali referendum propositivi senza quorum, bilancio partecipato, audizioni pubbliche per permettere un effettiva partecipazione alla gestione della cosa pubblica anche ai cittadini in maniera diretta.

MoVimento 5 Stelle Piossasco

Convenzione Scuola dell’infanzia paritaria “Gianotti”

Pubblichiamo il link che porta alla convenzione tra Città di Piossasco e la Scuola dell’infanzia paritaria “Gianotti”
Con Determina Dirigenziale del 16 maggio 2012 n° 131 è stato erogato, secondo l’accordo, il 50% dei 40.000€ previsti dalla convenzione. Entro settembre verrà erogato il saldo solo se la Scuola “Gianotti” avrà ottemperato al punto 7 della suddetta convenzione.
Fermo restando che siamo contro il finanziamento alle scuole private e che preferiamo il finanziamento pubblico ai cittadini, vigileremo sull’applicazione dei punti dell’accordo, tra i quali il n°4 Contributi agli utenti!
MoVimento 5 Stelle Piossasco

Commissione Bilancio 7 giugno 2012

COMMISSIONE BILANCIO E PATRIMONIO: Giovedì 7 Giugno 2012 – ore 20.00
ODG:
1) Esame bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2012 . Proseguimento lavori.

Nuova commissione bilancio costituita per dare la possibilità ai consiglieri presenti di chiedere al Sindaco (con delega al bilancio) chiarimenti su eventuali dubbi riguardo i capitoli di spesa (non si discute delle contropartite in entrate). Riportiamo quelle da noi ritenute più interessanti.

Il consigliere Astegiano (PD) richiede delle precisazioni per la spesa imputata agli oneri straordinari di accantonamento per un importo di 40.000€: Risponde il Sindaco “Sono fondi necessari per l’accatastamento delle scuole pubbliche di Piossasco” quindi regolarizzare la nostra posizione catastale a causa del la cattiva gestione dei decenni passati. Ancora una volta, scopriamo, che le amministrazioni precedenti non si sono occupati diligentemente delle regolari pratiche amministrative.

In merito ai servizi sociali per le disabilità il comune decide di togliere la delega di spesa alla scuola pubblica e di occuparsene direttamente imputando a bilancio la somma di 63.000€.
In realtà, la suddetta cifra interessa il capitolo dei finanziamenti alle politiche sociali (e non a quelle scolastiche) e tutto ciò rientra nella trasformazione voluta dal Sindaco per poter gestire direttamente e senza vincoli le varie spese necessarie per l’assistenza scolastica agli alunni che presentano disabilità. Chi ha seguito la protesta per la delibera della convenzione per il finanziamento di 40.000€ alla scuola privata Gianotti sa che, a causa di un problema (superabile e sottovalutato), alla scuola sono stati trasferiti meno fondi di quelli necessari a garantire le ore di sostegno per un’alunna disabile, creando disagi e rabbia ai genitori già sostenitori di spese aggiuntive per la fornitura di materiali didattici e di consumo quali cartelline, fogli, pennarelli, carta igienica e quant’altro.
Verrà quindi “appaltato” il servizio specialistico per le Disabilità a esterni per un importo maggiore del trasferimento alla scuola pubblica precedentemente erogato (con l’approvazione della dirigenza scolastica che avrà un problema in meno da affrontare ma che in realtà gli competerebbe). L’amministrazione, secondo noi, spera così di ovviare ad eventuali problemi di gestione dei trasferimenti economici, scaricando sul concessionario la responsabilità della continuità del servizio nonostante gli eventuali mancati versamenti delle competenze da parte dell’amministrazione (o da organi competenti superiori quali Regione).
Riteniamo che una buona gestione ed un’attenzione puntuale avrebbe comunque sopperito alle problematiche amministrative e di bilancio senza la necessità di trasferire le sole responsabilità. E’ chiaro inoltre che la colpa del disservizio non sia imputabile solamente all’amministrazione ma anche alla dirigenza del reparto scuole e al consiglio di istituto che non hanno provveduto a sollecitare l’amministrazione a permettere il proseguimento del mancato servizio essenziale.
Ci preme una nota : la convenzione per il finanziamento alla scuola privata (onlus paritaria, ma privata) è stata già deliberata, con una riduzione sulla passata convenzione di circa il 10% (i famosi 40.000 €).
Non potendo intervenire politicamente per l’annullamento o la regolamentazione degli importi, ribadiamo che controlleremo, che vengano rispettati gli articoli della convenzione che determinano la destinazione dei fondi erogati in base alle condizioni reddituali e la pubblicizzazione degli atti amministrativi e degli organi di controllo ivi previsti per il rispetto della convenzione.

Capitolo “Fondo all’emergenza abitativa”. Vengono imputate somme al fondo per garantire, in caso di sfratto, la copertura finanziaria per il mancato versamento della pigione per coloro che, perdendo il lavoro, non sono più in grado di pagare. Questo perché ATC chiede il rimborso al comune dei mancati pagamenti da parte dei locanti gravando quindi sulle casse comunali.
Il sindaco dichiara che, anche se è una scelta impopolare, firma e firmerà decreti di decadenza del diritto alla casa popolare in mancanza dei requisiti di Legge. Si porta l’esempio di coloro che possiedono ed esercitano il diritto alla casa popolare ma la tengono vuota in attesa di un futuro utilizzo o cessione (abitando di fatto in altri luoghi) o di coloro che non pagano l’affitto nonostante abbiano un sufficiente reddito.
Concordiamo sulla necessità di evitare che le case popolari vengano occupate ingiustamente ma ci auguriamo che il tutto non si riduca a un mero conteggio numerico e che prima di procedere ad un decreto di decadimento ci sia un confronto con i soggetti interessati e siano valutate tutte le condizioni.

Viene discussa l’imputazione a spesa di bilancio corrente una cifra pari alla metà della precedente erogata per il finanziamento alla biblioteca pubblica. 26.000 € contro i 52.000 € del consuntivo 2011. Il motivo è la presa in carico del comune del pagamento di bolletta relative alle utenze della biblioteca dal 1° di Luglio (l’imputazione è per sei mesi e cioè la metà). Cambia quindi solo il capitolo di imputazione. Anziché trasferire la somma necessaria alla fondazione Cruto per il pagamento delle utenze, il comune pagherà direttamente per avere, anche, un controllo diretto sulla spesa.

Si fa ancora riferimento alle cessioni delle proprietà immobiliari del comune (ex caserma dei carabinieri e vari terreni) necessarie per fare cassa:
il tutto sembra fatto abbastanza a cuor leggero e ci chiediamo se non si corra il rischio di svendere le proprietà senza ricavare il giusto guadagno visto che dichiarano tranquillamente che non ci si deve illudere di ottenere grandi introiti.

Vengono spesi diversi minuti sulla questione del verde pubblico e su chi si occupa di tagliare siepi e chi di tagliare l’erba (i consiglieri non hanno le idee molto chiare ci sembra) senza però fare riferimento alle cifre.
Approviamo la scelta dell’amministrazione di continuare ad affidare agli agricoltori locali la gestione del verde pubblico (mentre la pulizia dalle “cartacce” spetta a Covar) sperando che tale decisione sia giustificata almeno da un prezzo pari a quello di mercato con il vantaggio di mantenere le risorse finanziarie sul territorio e stimolare la partecipazione dei residenti (l’impegno è maggiore in casa propria).

Si stabilisce di affidare in toto il servizio della gestione degli asilo nido tramite appalto, visto il termine di scadenza della convenzione con Beinasco Servizi. L’intenzione dell’Amministrazione, per necessità di cassa, è di non rinnovare le convenzioni dei servizi per accentrare la gestione agli organi comunali. In linea di principio siamo favorevoli, ma ci chiediamo se verranno mantenuti i diritti al personale attualmente impiegato nei suddetti asili nido. Ci informeremo meglio sulla questione.

Orti sociali: dal momento che molti orti sono inutilizzati a causa della scarsità delle domande, probabilmente dovuto a requisiti forse troppo eccessivi, la consigliera Ferrero (Lega Nord) su segnalazione del consigliere Martinatto (sempre Lega Nord), propone di ridurre la restrizione dei requisiti per accedere all’affitto agevolato (50,00€/anno) degli orti urbani.
L’assessore Eliantonio intervenuto in commissione, dichiara che verrà valutato e per esempio potrebbe inserire (tramite una delibera di Giunta) la possibilità di utilizzo anche a disoccupati con figli. Il consigliere Astegiano (maggioranza) propone di rendere il bando aperto e costituire una graduatoria in base ai requisiti.
Riteniamo giusto il proposito ma suggeriamo di mantenere una quota libera (per non occuparli tutti) per coloro che, o per nuovo trasferimento o per soggiunte circostanze, rientrerebbero nei requisiti ristretti già deliberati.
Il Sindaco dichiara di essere favorevole, anzi desiderosa, di ampliare le zone dedicate agli orti sociali. Noi ci chiediamo se, dal momento che molti orti sono vuoti e mancanti di manutenzione e che le spese sostenute per le a loro realizzazione (per quanto poco esose siano) incidono sulle già esigue risorse, non sarebbe opportuno prima capire se vi è una maggiore domanda di orti sociali o se quelli già presenti siano già sufficienti.

MoVimento 5 Stelle Piossasco

Commissione Bilancio 24 Maggio 2012

Appuntiamo che il sito del Comune risulta carente da qualche settimana di aggiornamento. Il calendario delle commissioni ormai è postumo alle commissioni stesse e le Delibere del Consiglio Comunale  non sono caricate; non sono proprio  pubblicate invece le Convenzioni stipulate (vedi GIANOTTI), mettendo in difficoltà la partecipazione dei cittadini all’attività istituzionale. Non riusciamo a capire se a questa Amministrazione interessi davvero la partecipazione come in tante occasioni dichiarato. Sull’argomento ci ritorneremo ancora.
PS: L’albo pretorio sembra funzionare, per fortuna.

COMMISSIONE BILANCIO E PATRIMONIO: Giovedì 24 maggio 2012 – ore 18.00
ODG:
1) Esame bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2012
2) Varie ed eventuali

Altra commissione che continua la disamina delle voci di Bilancio previsionale per il 2012.
Riuscire a seguire la discussione non avendo davanti i tabulati letti durante la commissione risulta arduo e difficile riportare le reali condizioni. Per evitare di darvi informazioni non precise, ci occuperemo in generale degli elementi discussi senza molte indicazioni di importi. Li vedremo in fase di approvazione al consiglio e appena disponibili per la visione dopo l’approvazione. In quel frangente avremo possibilità di esprimere qualche giudizio sulle scelte di questa Amministrazione.
Questa sera si analizzano i capitoli delle entrate correnti.
Apprendiamo che il comune dispone di una somma considerevole per recupero coattivo di ICI pregresso . Non si capisce bene se verrà utilizzato a copertura di spese correnti (quelle che servono per sopravvivere insomma) o invece per coprire investimenti (debiti da mutui o  lavori di manutenzione straordinaria, etc).
Si arriva al punto caldo : IMU…  Come sapete a giugno si pagherà l’acconto con le aliquote standard del 0,4% e del 0,76% proprio perchè a causa delle nuove manovre il bilancio previsionale della maggior parte dei comune e in queste settimane in fase di approvazioni. Vengono quindi presentate diverse previsioni di incasso  con simulazioni di differenti aliquote. E’ fatta facoltà ai Comuni di ridurre l’aliquota fino al 0,2% per la prima casa, ma in questo caso andrebbe tutta allo STATO e niente ai Comuni. In effetti il gettito derivante dall’IMU è diviso al 50% con lo Stato, con la differenza che lo STATo chiederà ai COMUNI, in ogni caso la metà dell’IMU con un “MINIMO” pari al 50% delle aliquote base.

L’amministrazione intende  proporre e deliberare le aliquote del 0,5% per la prima casa e il 0,9% per la seconda casa. Apprendiamo inoltre dal Sindaco (titolare delle deleghe al Bilancio ed espositore in commissione) , con stupore dei consiglieri e nostro, che la manovra sull IMU così com’è, prevede la soppressione della detrazione per figli residenti a partire dal 2014. Insomma dal 2014 se si hanno 2 figli in casa si pagherà € 100,00 in più rispetto al 2012 e 2013
Sparisocno assorbite dall IMU le entrate derivanti dalla compartecipazione sull’IVA e l’addizionale Enel (vien giustamente osservato che  sparisce dal bilancio del comune, non si sà se dalle bollette ).

Altro punto caldo: Addizionali IRPEF. Vengono presentate le nuove addizionali, in aumento nel Anno 2010 aliquota 0,3%
Anno 2011 aliquota 0,4%
Anno 2012:
  • scaglione di reddito da 0 a 15.000 €  aliquota 0,52%
  • scaglione di reddito da 15 a 28.000 € aliquota 0,64%
  • scaglione di reddito da 28 a 55.000 € aliquota 0,76%
  • scaglione di reddito da 55 a 75.000 € aliquota 0,78%
  • scaglione di reddito oltre 75.000 € aliquota 0,80%

..ovviamente conteggio progressivo per scaglioni….

Avevano in un primo momento pensato di applicare una No Tax Area fino a 10.000€. Ma a seguito di un incontro con i Sindacati Confederati è stato applicato, (per esempio a Savigliano)  un accordo per il quale decidono di sopprimere la No Tax Aerea  e creare un fondo previsto di 40.000€ (più o meno l’importo che ne deriva dal gettito fino ai 10.000 e di reddito) e di rimborsarlo a coloro che ne faranno domanda tramite la presentazione del modello ISEE è con il monito che verranno effettuati accertamenti fiscali a coloro che presenteranno domanda. Lo scopo è evitare che i soliti “furbetti” -dicono loro- non ne approfittino. Qualcuno lamenta l’aumento di burocrazia.
Vi e ci risparmiamo, per ora, tutta la parte dei trasferimenti dei contributi statali, regionali e provinciali che esamineremo con bilancio alla mano dopo l’approvazione….giusto due cose

  • la scuola GIANOTTI percepisce anche dei contributi Provinciali oltre che Regionali e soprattutto Comunali (anche su questo punto ci torneremo sopra a tempo debito).
  • il comune percepisce circa 22.000,00€ da interessi attivi di Tesoreria perchè sul conto sono presenti le somme dei mutui erogati dalla CASSA DEPOSITI E PRESTITI e non ancora liquidati relativamente ai lavori della scuola materna SAN VITO e il fondo accantonato per  svalutazione crediti (conto che quest’anno sarà chiuso a bilancio e si potrà disporre della liquidità presente.. questa  costosa manovra di “pulizia di bilancio” per errate valutazioni e/o operazioni contabili passate, si avvia alla conclusione ).
  • da quest’anno a PIOSSASCO costerà più caro morire e sposarsi. Aumentano le tariffe dei servizi cimiteriali e per i matrimoni civili.
Durante la commissione è stato sollevato un problema dal consigliere Cammarata in merito alle scarse entrate derivanti dalle Associazioni Sportive. L’Amministrazione spiega che si è preferito non incassare affitti per i locali a fronte del mancata erogazione di contributi a favore di queste associazioni come negli anni passati. Viene richiesto però che le tariffe siano adeguate dato l’evidente risparmio del mancato pagamento dell’affitto e sembra che le Associazioni di Piossasco (non tutte certo) applichino invece tariffe come centri sportivi privati.  Si riunirà la commissione SPORT per affrontare il problema

MoVimento 5 Stelle Piossasco

Commissione congiunta Territorio e Bilancio: audizione comitato No Inceneritore 17 aprile 2012

Martedì 17 aprile le commissioni Territorio e Bilancio si sono riunite per dare audizione a una rappresentativa di 3 membri del comitato “No Inceneritore” di Torino tra cui il sig. Claudio Cavallari per discutere delle conseguenze sul nostro territorio della prossima messa in funzione dell’inceneritore del Gerbido.
Dispiace notare l’assenza del Sindaco e dell’Assessore all’ambiente, forse impegnati, in questa importante occasione.
Si parte subito sulla prima e forse più importante conseguenza, la ricaduta delle emissioni inquinanti (metalli pesanti, diossine e polveri super fini) dell’inceneritore che avendo un camino alto 120m è in grado di spargere le particelle inquinanti su un vasto territorio.
Il Comune di Piossasco è incluso in una fascia esterna di ricaduta minore ma ciò non significa che il nostro territorio sarà esente dall’inquinamento delle sostanze citate, tossiche e cancerogene.
Un altro aspetto molto importante è lo spreco di risorse che andranno bruciate nell’inceneritore: i rifiuti differenziati sono una “materia prima secondaria” che può essere venduta, portando quindi delle entrate nelle casse comunali, ad aziende che le trasformano in nuovi manufatti. Persino l’errore da conferimento delle plastiche può essere trasformato in panchine e componenti da arredo urbani!
Il nostro comune è tra i più virtuosi della provincia raggiungendo il 71% di differenziazione (ultimi dati 2010). Con la messa in funzione dell’Inceneritore temiamo che questa percentuale si abbassi e che addirittura verranno utilizzate frazioni di riciclati (ad alto tenore calorico quale la plastica) per alimentare l’impianto di TRM che necessita di ingenti quantitativi di rifiuti da incenerire per mantenerne l’esercizio in funzione.
Veniamo a sapere che il consorzio COVAR 14 sta sollecitando la nostra amministrazione all’acquisto di quote di TRM , la società gestore dell’inceneritore e di proprietà al 95% del Comune di Torino che però dovrà presto disfarsi cedendo a privati almeno il 49% delle quote. E’ probabile però che il comune di Torino essendo ingentemente indebitato cederà ben più del 49% e il candidato probabile, nonché fosse creditore del Comune di Torino, è la società IREN gestore dell’energia elettrica del Comune. Questo acquisto di quote dell’ordine dello 0,xx% non consentirà al nostro Comune di aver voce in capitolo nelle decisioni di TRM ma costerà alle casse del Comune cifre dell’ordine di un paio di decine di migliaia di euro.
Per di più la TRM sta giocando sporco imponendo l’acquisto di queste quote ai vari comuni “minacciando” tariffe superiori alle amministrazioni che non avranno aderito all’offerta!
Chiediamo pertanto che la nostra Amministrazione si rifiuti di aderire a TRM acquistandone quote che andrebbero a pesare sul nostro già risicato bilancio e vanificando inoltre l’impegno dimostrato dai cittadini piossaschesi, da sempre molto attenti sulla differenziazione dei rifiuti.
Il MoVimento 5 Stelle è da sempre contrario all’utilizzo della pratica arcaica dell’incenerimento dei rifiuti esistendo alternative veramente possibili di recupero e riciclo. Sarebbe persino possibile riconvertire l’attuale impianto del Gerbido, risparmiando tra l’altro molti soldi, per trattare a freddo solo i rifiuti non differenziabili.
Invitiamo tutti i cittadini di Piossasco a informarsi al riguardo e a firmare la petizione del coordinamento al fine di bloccarne la costruzione (qui troverete l’elenco dei negozi dove troverete la petizione da firmare http://www.noinctorino.org/?page_id=2883). Ricordiamo anche che l’impianto sarà in attivo economico solo grazie ai certificati verdi (incentivi deritati dalle nostre bollette energetiche http://it.wikipedia.org/wiki/Certificato_verde) e agli incentivi ricevuti con denaro pubblico in quanto non riuscirà con la produzione di energia e con la tariffazione a coprire i costi ingenti di esercizio.
Per ulteriori informazioni vi invitiamo a consultare il sito del coordinamento No Inceneritore
MoVimento 5 Stelle Piossasco